stabilità pendio - studio Architettura Musacchio

Vai ai contenuti

Menu principale:

calcoli SAAD > Palazzine, Ururi (CB)

Realizzazione di 24 Alloggi IACP

Luogo:

Via Monte Calvario, Ururi (CB)
Committente:

Istituto Autonomo Case Popolari

RUP: Ing. LEMBO Nicola
Progetto Architettonico:
Ing. PALMIERI Giovanni

Direttore Lavori:

Arch. MOSCA Maurizio


Calcolo Strutturale:

Arch. MUSACCHIO Adamo


Collaudatore:

Ing. TROMBA Pasquale
Impresa Costruttrice:

Impresa ORO Costruzioni srl
Geologo:

Dott. CORSI Francesco

Responsabile Sicurezza:

Ing. TESTA Nicolino
Sistema Costruttivo:
Climablock e KaldoSolaio - PONTAROLO Engineering S.p.A.

Il lotto di progetto è collocato ai margini occidentali del centro abitato, ai piedi del colle Monte Calvario, in un’area poco acclive avente pendenze non superiori ai gradi cinque. Per la caratterizzazione geotecnica si è fatto riferimento alla relazione geologica redatta dal Geologo Dott. CORSI Francesco, che ha rilevato le seguenti stratificazioni:
- Unità litotecnica “A” rappresentata dalla coltre di terreno a bassa resistenza di genesi fluviale-lacustre da ritenere inaffidabile geotecnicamente, fino alla profondità dal piano di campagna di ml. 1.00-1.50;
- Unità litotecnica “B” rappresentata da argille limose a tratti anche marnose, con consistenza crescente con la profondità, fino ad una profondità dal piano di campagna di ml. 9.00-10.40, lo stato di consistenza varia da rigido a molto rigido;
- Unità litotecnica “C” rappresentata da substrato inalterato compatto, argilloso limoso, marnoso, la cui consistenza è buona e migliora con la profondità.
Le verifiche sono state condotte dallo studioArkitetturaMusacchio col software SSAP 2010 - (SLOPE STABILITY ANALYSIS PROGRAM). In questa applicazione Geologico-Tecnica è stato necessario valutare il grado di stabilità di un pendio naturale in terreni sciolti o di opere in terra rispetto a potenziali movimenti gravitativi. Tali valutazioni sono state condotte tenendo conto sia delle condizioni attuali che di quelle prevedibili o probabili nel futuro. Le verifiche sono state realizzate, una volta note le caratteristiche lito-stratigrafiche, idrogeologiche, geomeccaniche del pendio e sovraccarichi. La procedura seguita è stata quella di verificare le condizioni ante operam del pendio, il successivo scavo, l'apprestamento delle opere di sotegno, l'ulteriore sovraccarico della struttura e le condizioni finali post operam.
Il progetto è esposto su tre sezioni: architettonico - stabilità pendio - calcolo strutture

 
Torna ai contenuti | Torna al menu